Le Storie: il senso
di sé stessi.
Il perché di questo sito.

Approdo

Ascoltare storie è una cosa naturale come il respiro. Non ce ne rendiamo conto, forse, ma ogni giorno, quando parliamo con una persona, sentiamo le sue storie, i racconti di quanto è accaduto, o ha vissuto in passato, o fatti che a sua volta ha sentito. Storie. Se conosciamo qualcuno e gli chiediamo di dirci chi è, racconterà la sua storia. Sono nato qui, ho fatto questo e quello… Tra questi racconti, alcuni ci segnano più in profondità, entrano in noi e si fondono con quello che siamo, diventano la sostanza stessa del nostro io. Sono queste numerose storie, aggregate dentro di noi, a dirci chi siamo e a stabilire cosa ci attira o respinge nelle persone. Siamo fatti di storie e queste storie sono la vita segreta del nostro spirito. Ecco perché è fondamentale ascoltarei racconti. Questo ci dà la capacità di leggere il reale, di capire cosa accade attorno a noi, di difenderci dalle menzogne che ci portano a maturare desideri che non sono nostri.

Non è strano sentirci disorientati, perché il luogo dove viviamo è come un mare agitato. Nelle nostre fragili barchette, siamo battuti da stimoli frammentati, sollecitazioni continue, piogge di distrazioni che ci fanno perdere il senso delle cose, ci sfiancano, ci fanno sentire davvero in balia di quelle onde che non portano da nessuna parte e, così facendo, ci imprigionano, ci tolgono la libertà. Le storie invece ci salvano, costituiscono un approdo dove poter mettere un piede sulla terra ferma, anche per chi – come me – è un inquieto girovago dell’animo.

Questo sito è fatto solo di storie. Alcune sono mie, altre sono patrimonio di tutti, altre se ne aggiungeranno. Sono storie che racconto ai miei bambini o a chi vuole ascoltarle. Forse andranno ad alimentare lo spirito di chi le sta a sentire, forse lo aiuteranno a essere più libero. Qui c’è solo la mia voce. Altre volte affido le storie alle pagine di un libro. Mi illudo che possano essere utili. Vale la pena provare. Ascoltarle non costa niente, solo un po’ di tempo. Un tempo trascorso ad ascoltare una storia, però, è certo guadagnato.

Ascolta

Leggi tutto Ascolta

I racconti. Da dove vengono le storie che si possono ascoltare su questo sito.

Ulisse

Qui ci sono le storie. Sono quelle che hanno trovato me nel corso del tempo e mi hanno seguito nella vita. Altre invece le ho scoperte più di recente e altre ancora le sto cercando per condividerle su questo sito. Sono storie vere, nascono cioè dalla vita o dalla sapienza popolare o dal vissuto della gente o anche solo dalla mia fantasia. Non sono pretesti per parlare di temi di moda e dare lezioni di vita. Le vere storie non sono moraliste. Sono come un piccolo foro dentro il legno di una porta, oltre il quale possiamo guardare, per osservare l’interno di una stanza e assistere a quello che accade. La vita che si coglie è la pietra preziosa donata dal racconto. Queste storie sono tutte da ascoltare. C’è solo la voce. Basta quella per attivarle. Basta la suggestione delle parole e la forza della mente di chi ascolta per vedere il frammento di mondo di cui si parla. Le storie sono suddivise in categorie, hanno un titolo e una riga scritta che dice di cosa parlano. Sono registrate di notte, nel silenzio della mia casa. Quando le racconto la testa mi si riempie di immagini che spero nascano anche nell’animo di chi ascolta. Provare è semplice. Basta un clic.

Ascolta

Leggi tutto Ascolta

Ascolta un racconto.

Grandi racconti
Odissea - Parte 1
Il racconto del grande viaggio di Ulisse. Dall’isola di Ogigia alla terra dei Feaci
Odissea - Parte 2
La rievocazione da parte di Ulisse del suo viaggio: Polifemo, Circe e il viaggio nell’Ade
Odissea - Parte 3
La fine del viaggio. Le sirene, Scilla e Cariddi, la Sicilia, il ritorno a Itaca e la sconfitta dei Proci.
Viaggi straordinari
Charles Lindberg
Il racconto della prima trasvolata oceanica, da New York a Parigi, nel maggio 1927
Amy Johnson
Storia della prima donna a volare in solitaria da Londra all’Australia
Il primo uomo sulla luna
Storia della conquista della luna
Il volo del Voyager
Storia del primo volo intorno al mondo senza scali né rifornimenti
I racconti del nonno Umberto
Finalmente si Parte!
Come il nonno Umberto riuscì a imbarcarsi su una nave
Un casco di zucca
Come il nonno Umberto trovò il modo di esplorare i fondali marini
Una nuova amica
Come il nonno Umberto conobbe la balena Carolina
Il cannone di Alvaro colonnello
Come la nave del nonno Umberto fu presa a cannonate e il colpevole punito
Il Nuovo Record Oceanico
Come il nonno Umberto evitò che la nave affondasse
La collezione di acque marine
Come un marinaio poté realizzare il suo sogno di collezionare le acque di tutti gli oceani
Le imitazioni di Ermete l'ornitologo
Come il nonno Umberto scampò alle ire di un misterioso pesce oceanico
Suoni misteriosi in mezzo all'oceano
Come la nave del nonno Umberto salvò la più grande cantante lirica del mondo
Una sosta in mezzo alla tempesta
Come il nonno Umberto riuscì a placare una tempesta
Un razzo da prendere al volo
Come il nonno Umberto aiutò un astronauta a tornare in orbita
Fiabe classiche
Le tre piume
Come il figlio più giovane del re superò quattro prove ed ereditò il regno di suo padre
Il re bazza di tordo
Come fu piegata la superbia di una bella principessa che divenne regina
Tremotino
Come la figlia del mugnaio divenne regina
Il fuligginoso fratello del diavolo
Come un soldato finì all’Inferno e divenne ricco
L'oca d'oro
Come il giovane figlio di un contadino, per la sua generosità, divenne re
La saggia Ghita
Come la cuoca Ghita mangiò i due polli del padrone e la fece franca
Lo gnomo
Come il più giovane di tre fratelli uccise tre draghi e sposò una principessa
La luce azzurra
Come un soldato scacciato dal re riuscì a sposarne la figlia e ereditò il regno
Lo spirito nella bottiglia
Come il figlio di un povero taglialegna divenne il medico più famoso al mondo
La saggia contadinella
Come una contadina furba divenne regina e si assicurò l’amore del sovrano
Comare morte
Come un medico tentò di ingannare la morte e ne fu buggerato
Fiabe classiche riscritte da me
I gobbi della Piumogna
Come il sarto Ilario perse la gobba e sposò la bella Caterina
La linoegia
Come Giovanni fu catturato dal mostro chiamato Linögia e riuscì a salvarsi
I croeisc
Come la guaritrice Elvira fu buggerata dai maligni Cröisc
Il Conte Ruggero
Come l’anima crudele del Conte Ruggero fu sconfitta da una giovane contadina
Il folletto dell'alpe
Come un vecchio alpigiano fu aiutato dagli gnomi e suo nipote punito
Il serpente dalle sette teste
Come un soldato sconfisse un mostro e trovò moglie
La fanciulla e il Salvanco
Come una fanciulla riuscì a non farsi mangiare dal gigantesco Salvanco
Vite di pittori
Henry Matisse
Vita e opera di Henry Matisse
Vasilij Kandinskij
Vita e opra di Vasilij Kandinskij
Vincent Van Gogh
Vita e opra di Vincent Van Gogh
Pieter Brügel
Vita e opera di Pieter Brügel
Emil Nolde
Vita e opera di Emil Nolde
Racconti di paura
Lord Aberdeen
Come un nobile signore deciso a togliersi la vita cambiò idea
L’osso del morto
Come il sig. Schmidt tornò dall’oltretomba a riprendersi la rotula
L'astuzia della bambina
Come una bambina riuscì a sottrarsi da una situazione drammatica
La strega e lo studente
Come una strega crudele si vendicò di uno studente che l'aveva fatta morire
La peste rossa
Come un re egoista non riuscì a sfuggire a una piaga che colpì tutto il suo popolo
Racconti comici dell'Ottocento
La levatrice
Come una levatrice preferì rinunciare al suo compenso
Gli ospiti
I primi giorni di matrimonio di una giovane coppia di sposi
Il vendicatore
Come un marito tradito reagì al tradimemento
L'oratore
Cosa combinò un oratore improvvisato a un funerale
Un colpo fallito
Come un impiegato riuscì a sottrarsi da un matrimonio combinato
Un mistero
Come il generale risolse il mistero della firma sconosciuta e non ne fu contento

Gli amici.
Uno spazio per ascoltare altre voci

Musica

Le storie vanno condivise. Si raccontano a qualcuno, si ascoltano quelle degli altri, le voci si mischiano, i pensieri si confondono. Ogni persona mette sé stessa nella storia che racconta, il suo passato, il suo stato d’animo, le cose che ha visto. Tutto questo aggiunge valore alla storia, perché le dà un’anima e le permette di attivarsi. È importante quindi che ci sia partecipazione, condivisione, scambio. Qui ci sono le voci di amici che hanno voluto sedersi attorno all’immaginario tavolo di legno, guardare le fiamme di un fuoco, bere del vino da un vecchio bicchiere da osteria e raccontare la loro storia. Spero che altri si possano aggiungere, per creare uno spazio dove le storie possano nascere ed essere raccolte da qualcuno.

Ascolta

Leggi tutto Ascolta

Ascolta un racconto.

Giuliano Pugolotti
Attraversare un deserto
Ultrarunner e grafico Cosa vuol dire affrontare un deserto in solitaria? Quali sono le sensazioni e le emozioni? Testimonianza di un corridore dei deserti
Enrico Castelli Gattinara
Il ragnetto timido
Come un ragnetto timido seppe farsi apprezzare da tutti
Ruggero D'Alessandro
Trattorie, televisori, adunate di piazza
Scrittore, saggista, insegnante. La passeggiata di due giovani innamorati nella Roma degli anni Trenta
Trattorie, televisori, adunate di piazza - parte 2
Scrittore, saggista, insegnante. La passeggiata di due giovani innamorati nella Roma degli anni Trenta
Giovanni Ricciardi
La luna e il pastore
Scrittore e insegnante L'amicizia delicata tra un pastore e la luna
Francesco Muratori
Dente di leone
Giornalista e scrittore Come un piccolo fiore giallo riuscì a realizzare il suo sogno di libertà
Il Demolitore di camper
Luca Di Giovanni, attore, legge l'inizio del romanzo
L'episodio della demolizione del camper tratto dal romanzo di Luca Saltini, Il demolitore di camper, nell'interpretazione di Luca Di Giovanni, protagonista dell'omonimo film in uscita per Amka Films/RSI
Alessandro Rivali
Da Genova a Barcellona
Poeta e scrittore L'avventura di una famiglia italiana tra fine Ottocento e primi del Nocevento
Mattia Bertoldi
Per sette
scrittore, autore di "Come tanti piccoli ricordi" (Tre60/TEA 2019) La passeggiata di un uomo col suo cane
Enrico Fovanna
Il pittore e l'imperatore della Cina
Giornalista e scrittore Come un pittore fuggì dalle mani dell'imperatore della Cina

L'autore.

Autore


Mi chiamo Luca Saltini e sono nato a Milano nel 1974 – a Sesto San Giovanni, per la verità. Di quell’anno, non ricordo nulla, ma so che si aprì con la vittoria di Iva Zanicchi al Festival di San Remo con la canzone Ciao cara come stai? E continuò con buone notizie come la fine della dittatura in Portogallo con la famosa rivoluzione dei garofani. Quando ero piccolo i miei si trasferirono in Brianza, poi in Svizzera, dove ho trascorso gran parte della mia vita. Nel Ticino sono cresciuto, ho fatto le scuole e pure il servizio militare (qui è ancora obbligatorio). Quando ero bambino pensavo che avrei voluto fare lo scrittore, ma pensavo anche che non ci avrei mai guadagnato abbastanza per mantenere una famiglia. Ho provato a scrivere i primi libri alla scuola media e ho avuto pure il coraggio di mandarli ad alcuni editori e quelli mi hanno risposto! Si vede che allora si usava ancora farlo. Comunque mi sono detto che dovevo farmi una posizione, idea decisamente piccolo borghese, ma questo è quello che si definirebbe il mio “milieu”. Così mi sono laureato in filosofia a Milano e poi ho fatto un dottorato di ricerca in lettere all’Università di Ginevra. Sono andato pubblicando nel tempo una trentina di studi, come autore o curatore e per il libro Il viaggiatore della parola– la biografia di uno scrittore oggi dimenticato, G.B. Angioletti – mi hanno dato il Premio letterario internazionale Cesare Angelini dell’Università di Pavia. Ho fatto pure dei convegni e delle docenze a livello universitario. La faccenda però era complicata, perché il tutto era molto precario e ormai avevo una famiglia. Insomma, avevo bisogno del “posto fisso” e l’ho trovato alla Biblioteca cantonale di Lugano, dove sono collaboratore scientifico e responsabile dell’attività culturale e dei fondi antichi. Qui ho curato oltre settanta mostresu temi storici, letterari, artistici e presentato tante serate e incontri. Nella testa però mi frullava sempre questa cosa della scrittura, che avevo sepolto dentro la saggistica e questa faccenda dell’animazione culturale. Ci ho lavorato parecchio, scrivendo 4 romanzi prima di provare seriamente a pubblicare. Quando mi sono deciso, le cose sono andate bene, perché tanti lettori e gente del settore mi hanno testimoniato la loro stima. Per ora sono usciti i romanzi Tattoo (Fernandel, Ravenna 2012), Il demolitore di camper(Fernandel, Ravenna 2013), Periferie (ADV, Lugano 2015), Una piccola fedeltà (Giunti, Firenze 2018). Mi hanno dato alcuni premi letterari e è in uscita un film tratto dal Demolitore (di cui sono stato soggettista e co-sceneggiatore ed è prodotto dall’AMKA film e dalla televisione Svizzera). Ho scritto tanto anche per bambini, pubblicando in rivista e volume quasi 300 racconti. Sono un piccolo narratore, con la passione di vivere altre vite attraverso lo specchio della scrittura. Ascolta

Leggi tutto Ascolta

Scrivi

Scrivi